Lending immobiliare

È una soluzione alternativa per puntare sul mattone.
Come? Con le piattaforme di crowdfunding che destinano somme di denaro (anche piccole) in prestiti a breve o lungo termine su nuove costruzioni o sulla ristrutturazione di vecchi appartamenti.
Ecco le soluzioni attive in Italia. E come funzionano.

Il crowdfunding, letteralmente “finanziamento dalla folla”, cioè la formula che consente di ottenere somme di denaro dalla collettività attraverso una raccolta fondi online, ha conquistato anche il settore immobiliare. Fornendo un nuovo modo per investire nel mattone che nulla ha a che fare con l’acquisto o il possesso di una casa.

Nata negli USA, questa soluzione si sta facendo conoscere anche in Italia, perché dà la possibilità di puntare sulla costruzione e ristrutturazione di appartamenti o abitazioni anche con piccole somme per ottenere un rendimento sul lungo periodo. Mentre, dall’altra parte, lo stesso crowdfunding consente alle società immobiliari di avere a disposizione un nuovo strumento per la raccolta dei fondi.

I portali specializzati nel crowdfunding immobiliare sono di due tipi:

  • Equity based: il finanziatore acquista le quote della società e il rendimento è generato dalla rivendita dell’immobile.
  • Lending based: chi finanzia il progetto investe in un prestito ipotecario legato all’immobile, che viene rimborsato con gli interessi ogni mese o ogni trimestre. 

Come Folkfunding abbiamo avuto il piacere di collaborare allo sviluppo di 2 piattaforme di crowdfunding (lending) immobiliare italiano, Trusters e Rendimento Etico.

Iscriviti alla newsletter

Resta aggiornato sulle novità di FolkFunding